Viaggi e Reflex: come rendere indimenticabile una vacanza grazie a foto perfette

Poche esperienze e attività hanno la capita di essere costruttive e allo stesso tempo stimolanti come viaggiare. Conoscere luoghi ignoti, nuove realtà e culture porta ad una crescita personale a 360 gradi; il proprio bagaglio culturale così come la personalità conoscono nuove forme e sfumature che solo attraverso il contatto con realtà lontane dalle proprie radici riescono ad emergere. Lo sviluppo tecnologico ha fornito gli strumenti necessari per incrementare ulteriormente l’esperienza, in particolare con la possibilità di poter dare una forma concreta a ricordi, immagini e scenari che colpiscono particolarmente. Tutto ciò è possibile grazie all’evoluzione consistente del mondo della fotografia: la diffusione del digitale ha fatto sì che un unico scenario o immagine possa assumere sfaccettature differenti. Le fotocamere di nuova generazione, in particolar modo le reflex, mettono a disposizione di neofiti ed esperti una miriade di possibilità grafiche tali da poter conservare nel corso degli anni ricordi nitidi da poter rivivere in qualsiasi momento, riuscendo a coglierli sotto forme sempre più suggestive e artistiche.

Come sfruttare al meglio una reflex durante un viaggio

Per quanto sia consigliato è sicuramente piacevole portare con sé una reflex durante un viaggio, anche se inesperti nell’ambito della fotografia, è bene cercare di seguire alcuni consigli e linee guida sia per godersi al meglio la bellezza dei luoghi sia per avere la certezza di riuscire ad immortalare momenti degni di essere ricordati e soprattutto di farlo nella maniera corretta. Infatti, non basta avere una reflex per avere la certezza di riuscire a fotografare nel giusto dei modi: rispettare una determinata postura, punti di riferimento, momenti giusti e punti di luce necessari sono fattori fondamentali sia per chi decide di cimentarsi nella fotografia per diletto sia per chi muove i suoi primi passi nel campo.

Per prima cosa, è necessario scegliere una reflex che sia coerente con le proprie esigenze e competenze; consultando il sito di photographically è possibile farsi un’idea di quali siano le migliori reflex da portare in viaggio. Superato questo step, un errore comune è quello di riempire troppo in fretta la memoria della fotocamera presi dalla frenesia di immortalare tutto ciò che si incontra; ciò implica la continua necessità di dover far spazio per nuove foto. In quest’ottica, un consiglio fondamentale è quello di selezionare accuratamente ciò che secondo il proprio gusto merita di essere conservato nella camera. Altro punto chiave per una resa soddisfacente è cercare di scattare quante più foto possibili da diverse inquadrature quei momenti, scenari o luoghi che si è sicuri di voler catturare a tutti i costi in maniera unica. In caso contrario, il rischio è quello di rendersi conto troppo tardi di aver fotografato male un momento o circostanza che difficilmente sia ripetibile.

Quali reflex utilizzare in viaggio

Chiariti quali possono essere i consigli per un corretto utilizzo di una reflex durante un viaggio, è importante anche segnalare quali possono essere i marchi e le versioni più consone per godere al meglio delle proprie realizzazioni fotografiche. La Sony DSC-HX60 può essere una valida possibilità sia in termini di pixel che di capacità di zoom. Altro elemento favorevole è la possibilità di poter usufruire di una messa a fuoco automatica il che la rende maggiormente pratica rispetto ad altre fotocamere simili. Unica nota dolente è forse la mancanza di memoria interna, alla quale si può facilmente sopperire acquistandone una separata. Altrettanto valida fra le reflex da viaggio è la Canon Powershot SX720 HS; anche questa camera garantisce un elevato tasso prestazionale dal punto di vista dei pixel e dello zoom, ma merita di essere segnalata in particolare per la sua funzione Wi-Fi integrata che permette di collegarla facilmente al proprio smartphone. Inoltre, anche questo modello della Canon non dispone di una memoria propria, dovendo quindi provvedere nel reperirne una esterna. Infine, merita di essere menzionata anche la Panasonic Lumix DMC-FZ300; il suo primo punto di forza da segnalare è certamente la praticità di utilizzo grazie alle sue dimensioni contenute e la conseguente ottima maneggevolezza. Dal punto di vista delle caratteristiche tecniche, anche questa camera è dotata di un sistema Wi-Fi integrato, della funzionalità touchscreen oltre alla interessante e utile possibilità di gestire lo zoom manualmente.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi